Italians are very smart [Nota Diplomatica]

Apprendiamo, tra soddisfazione e dispiacere, che l’ex Ministro delle Finanze della Grecia, il “marxista erratico” Yanis Varoufakis, è stato denunciato per alto tradimento. La causa sono i preparativi segreti da lui avviati mentre era in carica per – nell’eventualità – introdurre nel paese una valuta alternativa all’euro sul modello del “patacon” argentino. La soddisfazione nostra discende dal fatto che di questa possibilità abbiamo parlato per primi già nel numero del 22 maggio. Per quanto riguarda l’accusa, probabilmente si tratta più di “comunicazione politica” che di un vero rischio della forca, ma esprimiamo comunque solidarietà…

Oggi andiamo (principalmente) sulla questione spinosa del quoziente intellettivo medio dei vari popoli. “Spinosa” se si finisce dalla parte sbagliata della classifica almeno. L’Italia invece vince. Ha la popolazione più smart di tutto l’Occidente – e non sono altri italiani a dirlo.

(Oh, quello con gli occhiali da sole è Leonardo Da Vinci.)


L’idea di paragonare il quoziente d’intelligenza medio delle singole nazioni è talmente ovvia che si continua a farlo anche quando il bon ton attuale—il “politically correct”—considera poco elegante parlare dei risultati.

L’Italia figura estremamente bene nella classifica, al quarto posto nell’intero mondo. E’ la nazione più “intelligente” dell’Occidente, preceduta in classifica solo da tre paesi asiatici: Singapore al primo posto, seguito dal Sud Corea e dal Giappone. Il Regno Unito è al 7° posto—come anche la Cina—la Germania all’ottavo, la Francia al nono, a pari merito con gli Usa. La Russia è in decima posizione.

La classifica è stata inizialmente redatta nel 2002 dallo psicologo britannico Richard

Lynn e il finlandese, Tatu Vanhanen, uno studioso di scienze politiche, sulla base dei risultati dei test di massa del quoziente intellettivo utilizzati in 113 paesi. E’ stata poi revisionata e allargata dallo psicologo olandese Jelte Wicherts.
Emerge, per quanto senza tanta evidenza guardando solo in cima alla classifica, un chiaro rapporto tra reddito nazionale e intelligenza. Alla sua uscita la ricerca è stata criticata proprio per questo, partendo dal dubbio che siano forse i soldi a rendere i popoli intelligenti e non l’intelligenza a farli arricchire. Fosse così, le attuali condizioni economiche dell’Italia tenderebbero dunque a dimostrare che gli abitanti della Penisola siano “smart” per conto proprio ed evidentemente squattrinati per semplice iella…
Esiste però un’altra ipotesi, antecedente alla ricerca moderna. L’economista inglese Walter Bagehot (1826-1877)—più noto per essere tra i primi e più importanti direttori de The Economist—non aveva una grande stima della vivacità mentale dei suoi connazionali, ma considerava la loro “lentezza” una virtù dal punto di vista politico. Nel suo Letters on the French Coup d’État scrive infatti, senza ironia: “Ritengo che la qualità mentale più essenziale per un popolo libero, la cui libertà dev’essere progressiva, permanente e su larga scala, sia una buona dose di stupidità”.
Dopo avere paragonato il livello intellettuale dell’Impero Romano (“il grande popolo politico della storia”) a quello della Grecia antica—a danno dei primi, che comunque avevano assoggettato i greci—passa a osservare che “Ciò che chiamiamo con obbrobrio ‘stupidità’… è la risorsa preferita della natura per conservare la risolutezza di comportamento e la coerenza d’opinione”.
“Una ‘giusta stupidità’—spiegava—protegge un uomo dai difetti del suo carattere… E’ lento a eccitarsi. Le sue passioni, sentimenti e affetti tardano ad accendersi, ma sono forti e stabili… Si sa sempre dove trovare la sua mente. Ecco, questo è esattamente ciò che, nella politica almeno, non si può sapere di un francese”.
Bagehot non offre commenti sugli italiani, un popolo forse troppo intelligente per il suo stesso bene.

Popoli metrici — Sono solo tre paesi al mondo a non avere adottato—almeno formalmente, gli inglesi nicchiano parecchio—il sistema di misurazione metrico. Sono gli Stati Uniti, la Liberia e il Myanmar (l’ex Burma). Il Myanmar ha però annunciato, già nell’ottobre del 2103, l’intenzione di abbandonare progressivamente la misurazione tradizionale per fare la transizione a quella metrica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...