Toni Servillo legge Napoli a Bologna

DAL 17 AL 20 MARZO, Arena del Sole, Bologna, Sala Leo de Berardinis
giovedì 17 e venerdì 18 ore 21 | sabato 19 ore 19.30 | domenica 20 ore 16

Toni Servillo legge Napoli

t
esti di
Salvatore di Giacomo, Eduardo de Filippo, Ferdinando Russo, Raffaele Viviani Mimmo Borrelli, Enzo Moscato, Maurizio De Giovanni, Giuseppe Montesano, Antonio De Curtis, Michele Sovente

con Toni Servillo

 

 

Uno degli attori italiani più amati dal pubblico, grande interprete sia a teatro che al cinema, Toni Servillo, è all’Arena del Sole di Bologna dal 17 al 20 marzo per raccontare attraverso gli scritti di grandi autori della tradizione partenopea, il ritratto di una città dai mille volti e dalle mille contraddizioni, Napoli, alla quale l’attore è inevitabilmente legato.

Toni Servillo rende omaggio alla sua città immergendosi nella sostanza verbale di poeti e scrittori, che di Napoli hanno conosciuto bene la carne e il cuore, testimoni della città nel passato e nel presente. «Ho scelto questi autori – rivela l’attore – perché ne emerge una lingua viva nel tempo, materna ed esperienziale, che fa diventare le battute espressione, gesto, corpo». È il bisogno perentorio di non rinunciare a una identità sedimentata da quattro secoli di letteratura, che delinea un quadro sintetico ma definito di una realtà impietosa, ai limiti del paradosso, tra pulsioni e abitudini.

La rassegna dei testi spazia da poemetti ormai considerati grandi classici del Novecento, come Lassamme fa’ a Dio di Salvatore di Giacomo e De Pretore Vincenzo di Eduardo de Filippo, due liriche di Ferdinando Russo, ‘A Madonna d’‘e mandarine e E’ sfogliatelle, e l’attualissima Fravecature di Raffaele Viviani. Servillo dà poi voce alla impetuosa e veemente invettiva de A sciaveca di Mimmo Borrelli e alla lingua contemporanea, colta e allusiva di Litoranea di Enzo Moscato, tagliente riflessione sulle contraddizioni e sul degrado di Napoli, che nel 1991 costituiva il finale di Rasoi, spettacolo-manifesto di Teatri Uniti.

Altri brani sono invece inediti e composti per la circostanza, come ‘O vecchio sott’o ponte di Maurizio De Giovanni, che racconta l’inumano dolore per la perdita di un figlio, e Sogno napoletano di Giuseppe Montesano, in cui l’“apocalisse” lascia il passo a un salvifico, auspicato, risveglio delle coscienze.

«Oltre la lingua – aggiunge Toni Servillo – il filo rosso che attraversa e unisce la serata è il rapporto speciale, caratteristico di tantissima letteratura napoletana, con la morte e con l’aldilà, il commercio intenso e frequente con le anime dei defunti, i santi del paradiso e Dio stesso».

Letture

Lassamme fà a Dio di Salvatore Di Giacomo

De Pretore Vincenzo di Eduardo De Filippo

A madonna d‘ ’e mandarine di Ferdinando Russo

‘E sfugliatelle di Ferdinando Russo

Fravecature di Raffaele Viviani

‘A Sciaveca di Mimmo Borrelli

Litoranea di Enzo Moscato

‘O viecchio sott ’o ponte di Maurizio De Giovanni

Sogno napoletano di Giuseppe Montesano

Napule di Mimmo Borrelli

’A livella di Antonio De Curtis

L’omm sbagliato di Raffaele Viviani

Ca si fosse… di Eduardo De Filippo

Cóse ’sta léngua sperduta di Michele Sovente

Info e prenotazioni

ARENA DEL SOLE, Via Indipendenza 44 Bologna

Biglietteria: 051.2910910 (dal martedì al sabato ore 11-14 e 16.30-19)

Biglietteria telefonica: 051.656.83.99 (dal martedì al sabato ore 10-13)

http://www.arenadelsole.it

http://www.emiliaromagnateatro.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...