Diplomatici rivoltosi

Torna “l’archivio Norimberga”. Si tratta del nome gergale di un’usanza interna del Dipartimento di Stato americano che risale alla guerra nel Vietnam quando i diplomatici Usa di stanza nel Paese, vedendo come buttava, facevano accurata raccolta dei loro cablogrammi critici—e

soprattutto “non partiti”, stoppati dai loro superiori—per potere dimostrare in futuro di non essere stati d’accordo con le politiche del proprio Governo nel sud-est asiatico.
Se allora la pratica—come si intuisce dall’ironico riferimento al Processo di Norimberga contro i crimini nazisti—aveva un sapore marcatamente pacifista, allineata con la contestazione dell’epoca, rispunta ora con finalità simili ma orientamento ben diverso. Cinquantuno diplomatici Usa di medio rango, coinvolti nella gestione della crisi siriana, hanno firmato un memorandum interno “riservato/sensibile” invitando l’Amministrazione americana a indurire—di molto, con i bombardieri—la propria opposizione al Governo Assad.

Ovviamente, qualcuno ha poi recapitato il documento al New York Times.
Il testo propone di attaccare direttamente—con un approccio militare definito “muscolare”—il Governo siriano allo scopo di “rinvigorire l’iniziativa diplomatica” e di fermare la strage dei civili. Asserisce che gli Usa “non potranno contenere il conflitto con la politica attuale” e propone la collaborazione con i sauditi e gli iraniani per creare un governo siriano “di transizione” post-Assad.
Scrivono i firmatari: “È ora che gli Stati Uniti, seguendo i propri interessi strategici e convinzioni morali, si mettano alla guida di uno sforzo globale per mettere fine a questo conflitto una volta per tutte”.
La contestazione del Dipartimento di Stato alla politica giudicata eccessivamente “soft” di Barack Obama in Siria nasce con l’inatteso volta faccia presidenziale sull’uso di Assad delle armi chimiche contro la popolazione civile. Obama aveva—a parole—tracciato una “linea rossa” oltre alla quale il dittatore siriano non doveva spingersi senza incorrere in una terribile punizione Usa, ma alla prova dei fatti ha improvvisamente deciso di far finta di niente, lasciando il campo a Vladimir Putin con risultati meno che ottimali dal punto di vista americano. La mossa, la “non mossa”, ha lasciato di stucco anche gli alleati europei, in special modo la Francia. Da allora la situazione siriana è andata di male in peggio e non sono solo i diplomatici Usa a dare non poca parte della colpa alla gestione ondivaga della Casa Bianca.
Il Dipartimento di Stato ha comunque fatto sapere che le feluche ammutinate non verranno punite per la loro presa di posizione, fortemente in contrasto con quella “ufficiale”. L’impennata di coraggio avrà anche a che fare con il fatto che Obama presto non sarà più il Presidente degli Usa—e che la loro visione è in sostanziale armonia con quella del “falco” Hillary Clinton, da sempre favorevole all’approccio militare “vigoroso” come strada maestra per ristabilire la pace, o almeno il silenzio.
C’è qui una strana inversione dei ruoli. Il rozzo Donald Trump—che stilisticamente parlando dovrebbe essere quello a volere sganciare tante altre bombe—è invece la colomba. Non per buonismo, ma perché la sua idea neo-isolazionista della politica mediorientale è quella di tirarsi fuori da quel bordello e di lasciare che i maledetti musulmani s’ammazzino tra loro…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...